San Foca – Bussoleno (il ritorno)

Il treno parte e ce ne accorgiamo solo perché il mondo al di fuori del finestrino si muove. Siamo euforici e stanchi e non riusciamo a sentire quel colpo causato dall’impatto della porta della carrozza alla partenza; quel colpo che crea sempre un po’ di vuoto a chi parte.La nostra partenza da San Foca è stata rapida e nel pieno dei festeggiamenti, ma non si poteva fare altrimenti per un gruppo di disorganizzati cronici come il nostro. Il tempo passa troppo velocemente quando ci si diverte e in men che non si dica, ci ritroviamo senza accorgercene senza bicchieri in mano e su di una carrozza del treno per Torino, e con un sacco di ricordi addosso.

Il viaggio di ritorno è solo l’epilogo dei giorni precedenti e la malinconia si comincia a sentire all’avvicinarsi della meta. Si vorrebbe rimanere su quel treno a pensare e magari tornare indietro almeno con la testa a rivivere parte di quelle esperienze. Eppure bisogna andare incontro al ciclo delle cose. Si scende dal treno, ci si saluta, abbraccia e ci si gira le spalle andando verso casa, carichi di esperienze e amicizie maturate in questi giorni di vera e propria pazzia.

La fine del viaggio è solo l’inizio del perido che ci separa dal viaggio successivo, magari con compagni diversi o da soli, ma l’esperienza appena trascorsa rimane nelle nostre viscere e non si cancella facilmente.

Un ringraziamento a tutti.

A Sarà Düra

 

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s