Da Barfleue a booo?

Sono pigro. Lascio il campeggio alle 10 dopo una buona colazione composta da the Yorkshire e pasticceria da la boulangerie. Mi spiace, ma per questa sorta di cose i francesi sono imbattibili. Sono maestri di croissant e pain au choccolat. Comunque non ho foto della jia “brazilinne” che è stata fatta fuori in qualche secondo.


Decido di visitare la costa e possibilmente dare uno sguardo alle spiagge dell operazione Overload alias DDay. Forse qualcuno non è d’accordo con questa forna di turismo basata sulla guerrama cio non cambia il fatto chr è stato uno dei momenti più inportanti della guerra e mediante questa scusa si può portar gente a visitare posti bellissimi.

La prima città che incontro è Saint-Vaast-le Hougueu. Città con un grande porto dove i pescstori vendono giornalmente il pesce fresco. Di fronte al porto c’è”l’isle de Thtiou” con una fortificazione usata come lazzaretto per la lebbra, dogana e altre funzionalità. Quando la marea è bassa si può raggiungere l’isola a piedi. Comunque c’è un imbarcazione anfibia capace di navigare quando l’acqua è alta e andare avanti sulla spiaggia quando la marea è bassa. 

A sud est è possibile vedere la Tour Voubant de Hougeueu. Vubant era un fortificatore alla corte di Luigi XIV (roi soleil). Prima degli scontri della guerra mondiale il nord della francia era palcoscenico di battagliebtra Francia e Inghilterra. Il re nel 1492 decise di fortificare i confini e le coste dagli attacchi nemici. Voubant disegnò la torre di difesa e altre fortificazioni intorno per la Francia ( la mia amica Arianna mi ha ricordato che Voubant era l’arteficie del forte di Briancon. Ricordatevi di lui quando passerò di li).

Google maps è un buono strumento, ma ogni tanto occorre seguire l’istinto ed è qui che sono finito.

Una strada bianca sul bordo della spiaggia. Qualche pezzo non è percorribile per la bici da strada, ma non è malaccio. Lungobla strada comincio a vedere le prime fortificazioni tedesche per la via di Utah Beach

Utah Beach è il confine ovest dello sbarco in normandia. Qui attaccò l’esercito americano. Ora è possibile visitsre il museo e il memoriale. Ci sono dei carri armati, artiglieria e un imbarcazione usata per scaricare truppe sulla spiaggia. Si dovrebbe sentirsi a disagio e impauriti salendo e guardando fuori da quel trabiccolo se almeno una volta nella vita si è visto “salvate il soldato ryan”.

Dopo Utah Beach è possibile visitare la”reserve naturelle du domainr de Beauguillotte”.

Seguo la via della truppe di liberazione e mi imbatto in Saint come du Momt con la sua chiesa e il monumento per i paracadutisti dell’Airbones. Dopo il piccolo villaggio vi è Carentan. Città importante durante lo sbarco perché tra le due spiagge di operazione e necessario conquistarla per i collegamenti. Molto bella la chiesa di Notre Dame e il calmo porto turistico. 

Mi sono annoiato di andare per campeggi, allora ho optato per il “selvaggio”. Dato che ho sbagliato strada per 10 km mi sono imbattuto in un posto protetto e forse sicuro. Ho cibo e acqua. Buoannotte

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s